POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNALI

Grazie all’ultima Legge di bilancio dello Stato (Legge 30 dicembre 2020, n. 178 – Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023) che decreta il potenziamento del sistema dei servizi sociali gestiti in forma singola o associata si può pensare ad un vero momento storico in cui il Servizio Sociale Professionale Territoriale vedrà una svolta importantissima. Tale svolta non riguarda solamente i professionisti che verranno inseriti all’interno dei Servizi Sociali ma soprattutto rappresenta una garanzia per la collettività che ogni giorno si presenta negli uffici sociali e richiedere un intervento mirato.

Molte sono le problematiche che affrontano gli Uffici dei Servizi Sociali e certamente il potenziamento con nuovi Assistenti Sociali in organico permetterà la presa in carico e l’accompagnamento del nucleo familiare in tutte le fasi del processo di aiuto. L’assistente sociale opera con autonomia tecnico professionale e di giudizio in tutte le fasi dell’intervento per la prevenzione, il sostegno ed il recupero di persone, famiglie, gruppi e comunità in situazioni di bisogno e di disagio. Grazie all’avviso 3/2016 molti
Distretti hanno provveduto ad assumere professionisti per occuparsi dei beneficiari della Carta SIA/REI oggi RDC. molti di loro, grazie al PON, e ad altri fondi come il PAIS e il PAL hanno ottenuto la proroga dei contratti continuando ad operare all’interno dei Servizi Sociali garantendo soprattutto la continuità del servizio nei confronti dei fruitori. <<Garantire la continuità del servizio – dice il Dott. Giacomo Sansica, Presidente della Commissione Politiche Sociali dell’Ordine – basato sul rapporto fiduciario tra l’Assistente Sociale e la Persona rappresenta per la nostra categoria la chiave di accesso necessaria ad assicurare un buon lavoro durante il processo di aiuto e al raggiungimento degli obiettivi prefissati>>.

Altri Distretti socio-sanitari, pur avendo l’opportunità di utilizzare i fondi loro assegnati, per motivi di consuntivo e/o bilancio non approvato, non hanno provveduto a prorogare i contratti innescando preoccupazioni sia agli Assistenti Sociali, che dopo circa due anni di servizio hanno visto il loro lavoro sfumare, e soprattutto non si sta garantendo la continuità dei servizi nei confronti della popolazione che principalmente ne piange le conseguenze perché si ritrova senza i servizi di riferimento, fra l’altro previsti dall’azione del PON, garantiti dagli assistenti sociali.

Rammentiamo a tutti i Distretti di essere puntuali nel rispondere entro il 28 febbraio c.a. alle istruzioni che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali invierà al fine di richiedere il contributo quanto previsto dalla Legge. Il nostro Ordine Professionale è in continua interlocuzione con il sindacato FP – CGIL e con Assessorato Regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e del Lavoro per discutere e portare avanti le esigenze delle persone e di tutti gli Assistenti Sociali in previsione dei Fondi Strutturali e della nuova Legge di Bilancio. Così come afferma il Presidente dell’Ordine Dott. Giuseppe Graceffa, “la strada maestra è la sinergia di più forze che lavorano per un solo obiettivo”.

Download

POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNALI

Grazie all’ultima Legge di bilancio dello Stato (Legge 30 dicembre 2020, n. 178 – Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023) che decreta il potenziamento del sistema dei servizi sociali gestiti in forma singola o associata si può pensare ad un vero momento storico in cui il Servizio Sociale Professionale Territoriale vedrà una svolta importantissima. Tale svolta non riguarda solamente i professionisti che verranno inseriti all’interno dei Servizi Sociali ma soprattutto rappresenta una garanzia per la collettività che ogni giorno si presenta negli uffici sociali e richiedere un intervento mirato.

Molte sono le problematiche che affrontano gli Uffici dei Servizi Sociali e certamente il potenziamento con nuovi Assistenti Sociali in organico permetterà la presa in carico e l’accompagnamento del nucleo familiare in tutte le fasi del processo di aiuto. L’assistente sociale opera con autonomia tecnico professionale e di giudizio in tutte le fasi dell’intervento per la prevenzione, il sostegno ed il recupero di persone, famiglie, gruppi e comunità in situazioni di bisogno e di disagio. Grazie all’avviso 3/2016 molti
Distretti hanno provveduto ad assumere professionisti per occuparsi dei beneficiari della Carta SIA/REI oggi RDC. molti di loro, grazie al PON, e ad altri fondi come il PAIS e il PAL hanno ottenuto la proroga dei contratti continuando ad operare all’interno dei Servizi Sociali garantendo soprattutto la continuità del servizio nei confronti dei fruitori. <<Garantire la continuità del servizio – dice il Dott. Giacomo Sansica, Presidente della Commissione Politiche Sociali dell’Ordine – basato sul rapporto fiduciario tra l’Assistente Sociale e la Persona rappresenta per la nostra categoria la chiave di accesso necessaria ad assicurare un buon lavoro durante il processo di aiuto e al raggiungimento degli obiettivi prefissati>>.

Altri Distretti socio-sanitari, pur avendo l’opportunità di utilizzare i fondi loro assegnati, per motivi di consuntivo e/o bilancio non approvato, non hanno provveduto a prorogare i contratti innescando preoccupazioni sia agli Assistenti Sociali, che dopo circa due anni di servizio hanno visto il loro lavoro sfumare, e soprattutto non si sta garantendo la continuità dei servizi nei confronti della popolazione che principalmente ne piange le conseguenze perché si ritrova senza i servizi di riferimento, fra l’altro previsti dall’azione del PON, garantiti dagli assistenti sociali.

Rammentiamo a tutti i Distretti di essere puntuali nel rispondere entro il 28 febbraio c.a. alle istruzioni che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali invierà al fine di richiedere il contributo quanto previsto dalla Legge. Il nostro Ordine Professionale è in continua interlocuzione con il sindacato FP – CGIL e con Assessorato Regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e del Lavoro per discutere e portare avanti le esigenze delle persone e di tutti gli Assistenti Sociali in previsione dei Fondi Strutturali e della nuova Legge di Bilancio. Così come afferma il Presidente dell’Ordine Dott. Giuseppe Graceffa, “la strada maestra è la sinergia di più forze che lavorano per un solo obiettivo”.

Download